Parrocchia dei Santi Martino e Gaudenzio

Home » Diocesi » Giornata del Seminario

Giornata del Seminario

Il Seminario Vescovile “San Gaudenzio” oggi

Il calo delle vocazioni in ambito piemontese prosegue, in quanto a fatica si raggiungono i 110 seminaristi su 7 anni di formazione.

Il nostro Seminario, in rapporto al Piemonte, per ora sta “tenendo”, anche se non è in grado di rispondere alla diminuzione del numero dei sacerdoti causata dall’età.

I seminaristi sono 24, dei quali due si avviano alla fine del percorso, verranno infatti ordinati sacerdoti a giugno, tre sono all’inizio, nell’anno di propedeutica e due vivono nella comunità della parrocchia di San Giuseppe a Novara.

Ci sono in più tre seminaristi della diocesi di Biella e un propedeuta di Vercelli, che condividono appieno, dal martedì al sabato, la vita della comunità.

Condividono solo la frequenza scolastica due giovani della Congregazione di San Filippo Neri di Biella e 2 della Santa Montagna di Arona.

Un dato che ci interroga molto è l’aumento dell’età media, che supera i 30 anni, segno che spesso occorrono molti anni prima di riuscire a dare una risposta piena alla chiamata del Signore, passando prima per lunghe esperienze lavorative e affettive, intensi percorsi parrocchiali o radicali conversioni.

Entrano in Seminario diciannovenni che hanno bisogno di crescere, maturare, approfondire la propria umanità, e uomini ormai ben strutturati, con un grande desiderio di Dio.

Oggi la comunità vive l’indubbio arricchimento e il difficile compito di far convivere ragazzi che hanno da poco terminato la maturità con uomini che hanno alle spalle l’esperienza di 20 anni di lavoro.

Per tutti i seminaristi, per ogni ambito formativo, per la comunità educante, chiedo a tutti voi confratelli e alle comunità il sostegno e la preghiera, soprattutto in questa Giornata del Seminario.

I seminaristi hanno bisogno del nostro esempio sacerdotale, della preghiera e della vicinanza di tutte le comunità, perché crescano in loro una generosa risposta vocazionale, il desiderio di donarsi e il senso di appartenenza alla nostra cara Chiesa diocesana.

don Stefano Rocchetti, Rettore del Seminario


1 commento

  1. Samantha Spaggiari ha detto:

    Non riesco a non fare un paragone con quanto avviene nelle famiglie e nei matrimoni: quanto spesso le unioni veramente salde, sante e feconde (in senso letterale o lato) arrivano dopo anni, se non decenni, di esperienza di vita; vita sociale, relazionale, lavorativa.. In un’epoca in cui la quotidianità è spaventosamente accelerata, la maturazione individuale è rallentata.. o forse richiede più tempo perché si compone di più elementi.
    Preghiamo anche perché tutti gli educatori ed i formatori, a partire dai genitori, sappiano cogliere l’evoluzione dei ragazzi, dei giovani e anche degli adulti ancora in crescita, accompagnandoli con l’aiuto dello Spirito Santo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: